Mi piacciono le prime volte. I primi baci, i primi amori, le prime parole.
Mi piacciono le prime passeggiate tenendosi per mano, i primi baci sulla bocca sotto il portone di casa.
Mi piace il sapore delle cose nuove, il sapore delle cose aspettate da troppo.
Mi piace l'adrenalina che esplode dentro quando non sai cosa ti aspetta, ma sai che ti aspetta qualcosa.
L'idea di scoprire com'e', se e' tutto come te lo aspettavi, o forse anche meglio. Mi piace il desiderio di volerlo perfetto, quell'amore in cui si stringono le mani e i corpi si appartengono, si uniscono, si amano.
Mi piacciono i primi 'ti amo', i brividi increduli che lasciano dentro al cuore, e i sorrisi che fanno nascere.
Scoprire, frugare, cercare, trovare. Mi piace la scoperta, la consapevolezza che era cio' che stavi cercando.
La magia, il desiderio, la voglia che cresce ma non finisce.
Le prime carezze sul viso, i primi sguardi, la prima colazione insieme al bar di fronte a un cappuccino.
E mi piace l'imbarazzo, la paura che ti prende perche' non sai se ciò che fai lo stai facendo bene.
Quelle prime volte che possono restare anche le uniche, ma che resteranno sempre meglio dell'abitudine.
"It’s like you’re screaming but no one can hear. You almost feel ashamed that someone could that be that important, that without them you feel like nothing. No one will ever understand how much it hurts. You feel hopeless like nothing can save you. And when it’s over and it’s gone, you almost wish that you could have all that bad stuff back so you could have the good.”
— Rihanna (via eri-tutto-per-me)
©